Pioggia e cielo grigio

2007/08/03

Finalmente il cielo perugino si è lasciato andare ad una brevissima pioggia concedendoci, non si sa mai, una tregua dal sole. E d’improvviso, i pensieri che avevo mandato alti lassù sono tornati indietro. Ho preso coscienza che ho degl’attimi fortemente malinconici, che sono felice di aver perso un’ amicizia e che la vita è franca nel mostrarsi difficile… Ho capito che la felicità vera la traggo da altro, da molto altro. Per esempio dal rapporto complesso con Massimiliano, adolescenziale e maturo allo stesso tempo… bellissimo come la foto migliore di noi che mi porto nel cuore. Ancora, dal mare in tempesta che ospita me e Barbara, sorella impaziente con la quale non potrò molto a lungo rimandare una discussione che è già nell’aria.

Oggi però penso ad altro, penso ad un affetto sfumato col tempo e dalla senilità, rivedo nel cielo grigio gli occhi grigi che più mi hanno voluto bene. Forse un giorno troverò il coraggio per parlare di te e capirò il motivo per il quale mi infastidisco nel sentirti nominare. Forse un giorno ma, oggi non è quel giorno. Oggi è ancora presto, gli eventi sembrano essersi concentrati e, troppi dolori confusi tra loro non danno la possibilità di una metabolizzazione veloce.

Intanto io scrivo e il cielo rimane grigio ma, di pioggia non credo ne scenderà più per oggi. E’ stata un’acqua misera, fina e maltirata che, non porterà giovamento alle piante che patiscono il caldo da giorni. Sicuramente non ha portato giovamento a me.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: