Il suo nome è Battilarda

2007/07/11

Il suo vero primo nome è un altro, questo è il soprannome con il quale mi venne presentato circa cinque anni fà. I miei genitori infatti, hanno sempre fatto in modo che io e lopezcamilla rifuggissimo da parenti, tradizioni e rituali. Tornando al discorso madre, lo conobbi ad un raduno di moto d’epoca e si presentò come mio zio. Sgomento.

160 cm. vestiti come Frank Poncharello, un saltellio continuo, una meticolosità che rasenta l’orticaria alle palle femminili (figuriamoci le maschili), delle manine piccole e pelose e dulcis in fundo montava una Lambretta che sembrava una bomboniera, le mancavano solo i centrini all’uncinetto per la raccolta delle perdite d’olio.

La sua particolarità però sta’ nella pettinatura, taglio di capelli, acconciatura, messa in piega che dir si voglia.  La chioma riccia, sale e pepe si dipana così: una frangia a ventaglio, para e precisa a quattro dita dalle sopracciglia, una nuca nella parte superiore calva e un dietro lungo e squadrato fino al collo che me lo fece presentare così: “Il suo nome e Battilarda”.

Il perugino la battilarda è un tagliere che serve per tritare il lardo (grasso necessitante a una più grassa e saporita cucina) con le spezie aromatiche quali finocchio selvatico, rosmarino, salvia ecc.

Bene, oggi mi viene a trovare in mia convalescenza. Premetto per chi non lo sapesse che la settimana scorsa ho subito un  intervento al femore e trasfuso cinque sacche di sangue. Entra saltanto, mi guarda e dice: “Cocca mia che colaraccio che c’hai… Ma che t’hanno rimandato a fare dall’ospedale?”. Io che, non sapendo se sputargli nell’occhio o mandarlo a ‘fanculo, taccio… con questo coloraccio non sarei mai riuscita a centrare l’occhio e avrei rischiato di sprecare saliva.

Battilarda guida una Fiat 128 sport rossa con banda opaca nera al centro. Nel cruscotto “di tutto e di più che non si sa mai”. Forbici, cerotti, corde, aghi, manuali di sopravvivenza, agenda telefonica, 7 caricabatteria (e non ha il cellulare)… per fortuna niente preservativi, significherà che non fa’ sesso!  Attaccato allo specchietto retrovisore centrale un coniglietto imbalsamato, i sedili di pelle nera lucida come quella di un sudafricano a mezzogiorno, il portabagagliaio un divano con mille plaid… lì per un attimo ho ripensato alla copulazione di Battilarda ma, l’ho esclusa subito dalla pulizia di quelle coperte.

Nel suo genere è un personaggio, mite e generoso nell’ambiente familiare, al di fuori sembra scemo. So che non gioverà a nessuno questa descrizione ma, sono a letto e m’annoio, non mi va di pensare e provate voi che vuol dire averlo per zio.

Annunci

2 Risposte to “Il suo nome è Battilarda”

  1. Oddio mio, sto a morì.
    Oddio mio, sto a morì.

    Non ci posso credere che tu abbia scritto un post su battilarda. No, no, no.

    DI CONSEGUENZA, quando ne scriviamo uno sullo zio lillone. Perchè lui davvero è il mio idolo!

  2. Odla said

    Mitico battilarda che ogni volta che va a fare un giro in lambretta perde qualche pezzo!!!!!…e poi torna indietro a cercarlo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: