XT…

2007/06/22

… sta’ per dieci tonfi…

Il primo l’ho fatto oggi, davanti all’università degli stranieri, in sella con me c’era lopezcamilla.

Patologie, tutte mie riportate:

  • scottatura retro ginocchio dx (lì dove la pelle è tanto sensibile)
  • stroncicatura e annessa bruciatura caviglia sx
  • dolore ginocchio sx

+ 10 incancarimento provato…

Annunci

16 Risposte to “XT…”

  1. capemaster said

    occacchio…
    spero stiate tutte e due bene

  2. Max said

    ….e corri corri corri come il vento, e come il vento non fermarti mai, hai (Valent)ina……
    L’importante è che La LopezCamilla n’se sia stronc_chete!!! L’ze che paura che avrà preso!!!!!

  3. La Lopez non conosce la paura.
    Soprattutto quando guida Modestino.
    E’ andata, son cose che succedono.

    Max, ma che ci conosciamo?

  4. modestino said

    @ capemaster: lopez dice di essersi divertita, appena cadute mi ha detto che credeva facesse più male e paura.
    @ Max: sono caduta da ferma, come ‘na cretina
    @ lopezcamilla: lo conosci, lo conosci… c’abbiamo fatto un viaggio di ritorno da Roma con te che ci stressavi anche a 110 km/h.

  5. ToM said

    Vi da gusto tonfare per terra?
    Interessante… no davvero, interessante… 🙂

  6. Ele said

    non voglio neanche immaginare cosa Modestino possa aver pronunciato (ovviamente in latino) subito dopo la caduta!!!
    Sempre per via del concetto di incancarimento!!!

  7. Ele. Lì per lì non ha detto niente. Ha tirato su la moto e l’ha messa al sicuro. Quando era sul cavalletto, la guardava e l’accarezzava, con una dolcezza indicibile. Poi va beh, qualche francesismo.

  8. modestino said

    @ ToM: perdona la mia maleducazione, avrei voluto mandarti una mail, spero tu stia meglio.
    @ tutti: vi esprimo un concetto potenzialmente valido in eterno… cadere con la moto prescinde dal modello, marca e valore… è l’essenza stessa dell’incancarimento soprattutto se la caduta è stata decisa da una macchia d’olio per terra. Le poche volte che sono caduta il primo pensiero è stato per lei, per le sue fiancate e frecce, specchietti e forcelle. Aimè oggi avevo un passeggiero, la testa affollata e le gambee pesanti, il cuore altrove… oggi era scritto che sarebbe successo.
    @ lopezcamilla: tieni sempre a mente ciò che t’ho detto oggi, sempre e comunque… anche oggi per me sono solo gioie.

  9. Ted Striker said

    Fortuna che non hai una moto seria, altrimenti mi piangeva il cuore a pensarla per terra.

  10. cafè 59 said

    ho trovato questo blog per caso e devo dire che scrivi cose interessanti.mi piace!ma ho anche capito che sei una ragazza che prova a guidare la moto,ma come tutte le ragazze con risultati a dir poco (s)cadenti.anche io ho una moto e non conosco tante ragazze che vanno in moto e siete tutte un pò buffe con qell’aria da dure col casco integrale e lo sguardo trucido! mi fate letteralmente morire!siete così convinte( da sembrare carl fogarty 5 minuti prima della partenza in sbk!ma tu forse non immagini neanche chi sia questo fogarty),ma poco importa tanto alla prima lieve staccata vi infilo tutte o vi passo all’esterno facendovi ritornare nei ranghie farvi chiedere se forse non sia meglio fare le zavorrine!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  11. Zarathos said

    Cafè 59 parla da uomo ferito.

  12. cafe59 said

    vorrei cogliere l’occasione per rigraziare:le curve strette,i rettilinei infiniti,il cavatappi,il lungomare,la Futa,le giornate di sole,l’asfalto ruvido e poroso,la voglia di arrivare,la voglia ancor piu’ lunga di andare e non arrivare mai,quella di non tornare.La velocita’ di Assen,la bellezza delle curve di Monza,il panorama di Philp Island,il fiatone per i sobbalzi di Laguna Seca,il tempio sacro di Donington.L’urlo di Di Pillo,A.Gobert che cade da Dio sulla 501,Troy Bayliss sulla Ducati,M. Doohan sempre nel cuore,N.Haga che quando e’ in giornata non ce ne per nessuno,Texas Tornado,i caschi Arai,le Ohlins,le 190/50/17,la showa a steli rovesciati,iBrembo a 4 pistoncini,il bicilindrico a L,il rumore di aspirazione delle valvole,le progressioni a penna,le saponette che raschiano,le pedane che scintillano,le lancette che salgono,le gomme che fumano,il Testastretta,sua maesta’ MV Agusta troppo bella per essere vera,la livrea della R1,le nude,i cilindri in mostra,i frullatori giapponesi,la Bonnie,i viaggi scomodi,la Speed Triple , gli scarichi in carbonio/alluminio/titanio,le Guzzi alate,iTermignoni che sputano fuoco,le scappate solitarie,leGSX-R da combattimento,gli automobilisti che aprono lo sportello senza guardare,che girano senza mettere la freccia,il trotto in strada,il galoppo in pista,i limiti che cerchi abbattere,i luoghi non comuni,il comune sentire,la passione dietro le cose,i vecchi cilindri duri a morire,la Norton Commando,lo stile italiano,la furbizia giapponese,la classe inglese,l’esagerazione americana,leBuell rumorose,il bar sport,il non ce n’e’ per nessuno,i dettagli che fanno la differenza,il correre dietro,il fermarsi a rimirar dopo una dura giornata di perlustrazione,il non chiedersi,il sentire dentro ed infine loro….le ragazze che vanno in moto con le chiome raccolte nei caschi,un sorrisino negli occhi e quello sguardo da finte dure….. donne e motori mai connubio fu piu’ felice.
    spero di essermi fatto perdonare a presto cafe59

  13. modestino said

    Perdonato in pieno, soprattutto perchè hai ringraziato tutto ciò che ringrazio sempre io. Come disse una sera il mio meccanico mentre prendevamo una birretta in centro “Se dovessi pensare di tornare a casa e non avere una moto da accendere chiederei a Dio di farmi morire subito”. Perdonato anche perchè ciò che avevi scritto all’inizio non era vero… adoro partire dall’università e vederti dallo specchietto e arrivare alla stazione e non sapere che fine tu abbia fatto.

  14. Ele said

    Ma fammi capire, carissimo Modestino, sei caduta dalla moto su cui son salita anche io?
    Ricordi l’esperienza del casco 3 volte più grande della mia testa, mentre andavamo a Monteluce?

  15. modestino said

    sisi Ele, proprio quella…

  16. cafe59 said

    i levrieri in giardino servono a poco!!!!!!!!!!
    i levrieri hanno bisogno di grandi spazi aperti per sgranchirsi le gambe come si deve!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: